E’ Possibile inviare una Nota di credito?

Si certo.

La nota di credito elettronica è un documento simile alla fattura elettronica, basta semplicemente riscrivere i dati della fattura da annullare selezionando nella voce “dati generali” presente nel corpo fattura la voce “nota di credito” presente nel menù a tendina.

Si consiglia di compilare anche la voce “causale” (no causale di pagamento) sempre nella sezione “dati generaliriportando data e numero fattura da annullare.

E’ possibile Stampare una Fattura?

Certamente, facendo click sul pulsante di stampa nella sezione dei dettagli della fattura, il pulsante compare subito dopo l’invio.

Tutte le fatture inviate sono riportate nella pagina principale dell’utente, all’inizio di ogni riga è presente un pulsante “i” cliccando si accede ai dettagli della fattura.

Procedura:

click su “i”>fattura>stampa fattura

Se la procedura non dovesse portare alla stampa del documento vi consigliamo di controllare gli avvisi sul blocco delle finestre popup.

 

Scissione dei Pagamenti – Split Payment

Dal 1 gennaio 2015 è in vigore la misura relativa alla cosiddetta scissione dei pagamenti, per cui i fornitori della PA emettono fattura ma non incassano l’IVA, che la PA versa direttamente al Fisco.

Per esporre la dicitura relativa alla scissione dei pagamenti nella fattura elettronica è necessario selezionare la voce nel campo relativo all’esigibilità nella sezione dati riepilogo.

Fasi della Procedura:

>corpo fattura>dati beni e servizi>dati riepilogo>aggiungi nuovo record>esigibilità (selezionare dal menù a tendina “Scissione dei pagamenti”)

Decorrenza dei Termini

La Pubblica Amministrazione, ricevuta la fattura in formato elettronico, ha 15 giorni di tempo per emettere un esito (accettazione o rifiuto) decorsi tali termini la fattura viene accettata per “silenzio assenso”, sul pannello compare la  dicitura “DECORRENZA DEI TERMINI”.

Ricevuta di Consegna

Una fattura inviata non arriva direttamente al destinatario ma passa prima dal SDI (Sistema Di Interscambio) che verifica i dati riportati nell’intestazione della fattura, se il documento è corretto viene inoltrato al destinatario della fattura (Pubblica Amministrazione).

Questo passaggio viene registrato con una ricevuta che attesta l’avvenuta trasmissione, sul nostro pannello comparirà la voce “RICEVUTA DI CONSEGNA”, l’ente è in possesso della fattura.

La Pubblica Amministrazione ha 15 giorni di tempo per emettere un esito (accettazione o rifiuto) decorsi tali termini la fattura viene accettata per “silenzio assenso”, sul pannello compare la  dicitura “DECORRENZA DEI TERMINI”.

Il destinatario ha rifiutato la fattura

L’ente destinatario ha verificato la fattura e riscontrato degli errori, inesattezze o assenza di informazioni importanti.

Il documento viene scartato e nel pannello comparirà la voce ESITO CEDENTE PRESTATORE preceduta da un pulsante rosso raffigurante un occhio, fare click per leggere la motivazione del rifiuto.

La fattura è annullata e dovrà essere riemessa mantenendo data e numero.